Notizie Flash
Scopri in anteprima tutte le notizie sul mondo del calcio  Leggi →

Stagione ’17-18′ in archivio. Var promosso, il bilancio: 115 decisioni cambiate e meno rigori

Stagione ’17-18′ in archivio. Var promosso, il bilancio: 115 decisioni cambiate e meno rigori

Il campionato di Serie A 2017-2018 si è appena concluso, e finalmente si può fare un bilancio completo di una stagione che passerà alla storia per l’utilizzo, la prima volta in assoluto, del Video Assistant Referee. Sebbene alcune polemiche abbiamo accompagnato l’uso del Var (siamo pur sempre in Italia ed era inevitabile) non si può fare altro che promuovere lo strumento della moviola introdotto nel campionato italiano.

I numeri parlano di 115 interventi effettuati in 380 partite, con un’incidenza del 30,2%; 35 sono i calci di rigore fischiati con l’ausilio del Var: in generale comunque cala, seppur di poco, il dato dei penalty assegnati, 126 contro i 132 della passata stagione. I rigori dati e poi tolti con lo strumento video sono invece 18.

Si è abbassato anche il numero delle ammonizioni: dalle 1625 del campionato ’16-’17 alle 1475 del ’17-’18. E in 38 giornate di campionato, il Var ha dovuto metter occhio nella distribuzione dei cartellini gialli in media una volta a partita.

Valeri è stato l’arbitro che ha richiesto più volte l’intervento del Var, cambiando ben 10 volte la sua decisione originale. A ruota dietro di lui Orsato, con 7 richieste, e Di Bello con 6. Tagliavento quello più presente in cabina Var, 14 volte senza mai correggere il collega che era in campo. Al contrario, Mazzoleni lo ha fatto addirittura 10 volte su 19.

I gol tolti mediante l’utilizzo del Var sono stati 29, quelli assegnati 14. Il Napoli non ha ottenuto rigori dal Var, e al contempo non ne ha subiti: esattamente come Atalanta, Milan, Fiorentina e Samp. Chievo Verona, Torino e Spal hanno avuto contro ben 4 rigori grazie alla tecnologia video.

 

Dati che andranno analizzati dall’Aia per capire dove e come poter intervenire per apportare quei miglioramenti necessari a rendere perfetta una macchina che ha appena iniziato il suo rodaggio. Di certo non si può che esprimere parere positivo rispetto a quanto visto in campo negli anni scorsi.